Choro de Rua na Sardenha

No dia 28 de julho, o Choro de Rua realizou um concerto maravilhoso na gruta Bue Marino – um lugar paradisíaco da Sardenha, uma das grandes ilhas da Itália! Essa gruta tem quilômetros de extensão e era habitat do Bue Marino, nome de uma espécie de foca que vivia ali (e que, infelizmente, foi embora devido à pressão antrópica… pobres foquinhas!).

Concerto di Choro de Rua alle grotte del Bue Marino in Sardegna, durante il Calagonone Jazz Festival! Abbiamo suonato in un luogo pazzesco con un'acustica altrettanto incredibile e un'acqua color smeraldo che non dimenticherò facilmente…Piccolo estratto del brano di apertura del concerto, Feitiço do mestre Jacob. È stato davvero emozionante e questa sensazione, sono sicura, mi accompagnerà per un po'… Profondamente grata.Grazie a Luigi Sidero per il video e per averci fatto vivere questa esperienza.#choroderua #calagononejazzfestival #jacobdobandolim

Posted by Barbara Piperno on Sunday, July 28, 2019

O nosso concerto foi parte do Calagonone Jazz Festival, tocamos nesse espaço incrível, com uma acústica indescritível, circundados por uma água cor esmeralda que não esqueceremos facilmente… No vídeo, um pequeno trecho do FEITIÇO, choro-sambado-chorado do mestre Jacob.

40ºC di choro al mare!

Super weekend di Choro in zona Comacchio, fra delta del Po, Salina di Comacchio, lidi e pinete! Grazie a Marco Zanotti per averci accompagnato con il suo trasporto e la sua passione in due di questi concerti, ad Euphonie per averci invitati e per aver organizzato tutto, grazie a Rudy Grechi per la sua gentilezza, sorriso, disponibilità e professionalità, grazie a Michele del Play Ground Beach, a Helena e Anna delle Saline, al Museo Remo Brindisi e a tutto il pubblico, vario e curioso, che si è mosso nonostante il caldo torrido e paralizzante!

Siamo stanchi ma felici!

Questo un primo breve registro del concerto all’alba di stamattina al Lido di Volano, interpretando lo Choro Neco di Marco Ruviaro, dedicato a suo padre Valdo Ruviaro! 🙂 Il suono non è un granché ma ne arriveranno di migliori!

Video di Giulio Casoni.